Vincitore del bando sovvenzione  globale Piccoli sussidi 2013 PO Puglia FSE 2007/2013

Vincitore del bando sovvenzione  globale Piccoli Sussidi 2013 PO Puglia FSE 2007/2013

logo_csi_web.gif

Foto e video gallery

gallery.jpg

Aggiornamenti Twitter

Città Solidale Channel

channel_c_s.jpg

Uscire dal Buio

Uscire dal buio - Mola Tommaso.jpg

Uscire dal buio

di TOMMASO MOLA

Esperienze e percorsi di riabilitazione Con Cd-Rom per sistema operativo Windows XP  o successivi

 

 

UNA DELEGAZIONE CINESE IN TRAINING PRESSO CITTÀ SOLIDALE PDF Stampa E-mail
Lunedì 11 Marzo 2013 16:50

Lo scorso 20 e 21  febbraio Città Solidale ha ospitato una delegazione cinese in visita in Italia per la fase training del Progetto denominato “Community based psychiatry: promoting the integration of mental health care into primary health services in trhee districts of China”.

Si tratta di un Progetto-Pilota che si sta realizzando in Cina dal 2011 e che proseguirà sino al 2014, con la partecipazione dell’Università di Pechino e sostenuto dall’Unione Europea, con l’obiettivo di attuare uno scambio costruttivo sulla gestione dei Servizi di Salute Mentale e in vista di una futura chiusura dei manicomi.

Nell’ambito di tale progetto è stata organizzata una visita formativa in Italia (in Puglia e a Trieste) per 12 funzionari cinesi: la dott.ssa Ma Ning ricercatrice presso il dipartimento di Salute Pubblica “centro di ricerca nazionale di Salute Pubblica”-Università di Pechino; il dott Wang Yong responsabile infermieristico presso il sesto ospedale di Pechino; il dott. Geng Tong medico psichiatra presso il sesto ospedale di Pechino; la dott.ssa Zhang Lianfeng medico psichiatra presso il distretto Haidian (Pechino); il dott. Guo Zhenjun medico psichiatra presso il distretto di Haidian (Pechino); la dott.ssa Li Susha vice direttore ASL ad Anhui distretto di Tongling; il dott. Zhao Yisheng direttore ospedale di Tongling; il dott. Chen Rongxi Direttore Community Health Center di Tongling; il dott. Chu Wenge vice direttore Ospedale di Tongling; la dott.ssa Yang Xiaoling Direttore Community Health Center di Tongling. La delegazione è stata accompagnata da due interpreti la dott.ssa Wang Yanan e la dott.ssa Ambra Collina.

La delegazione è stata accolta dai rappresentanti della cooperativa sociale Città Solidale, presso la Bottega Solidale, dove per l’occasione era stata allestita una fiera con i prodotti realizzati dal Laboratorio Arte del Recupero: porta cellulari, borse per adulti e bambini, mobili restaurati, vestiti vintage; oltre ad un mercatino di prodotti realizzati dagli ospiti, in inserimento lavorativo, nei vari impianti produttivi: pralineria, biscotti, uova di cioccolato, prodotti in vetro pregiato.

Inoltre, nella stessa sede, la delegazione ha visionato la mostra permanete sui diritti delle persone con disabilità mentale, comprendendo la distinzione tra il vecchio modo di operare in psichiatria attraverso la visione di foto del vecchio manicomio sito in Latiano e il nuovo modo di fare psichiatria di comunità con le foto dei vari Laboratori riabilitativi attivati da Città Solidale in favore delle persone con sofferenza mentale.

La delegazione, entusiasta della visita presso la Bottega Solidale non ha esitato a fotografare il tutto e a porre domande di chiarimento ad utenti e operatori della Cooperativa.

Gli amici cinesi, interessanti ad apprendere come si sviluppa il meccanismo complesso della riabilitazione psico-sociale, sono arrivati muniti di taccuino e macchina fotografica, per immortalare ogni passaggio e riportare in Cina la metodologia sviluppata in Città Solidale, che da oltre trenta anni porta avanti una esperienza innovativa, non solo di cura, basata sull' empowerment delle persone con disagio mentale, ma soprattutto di inclusione lavorativa delle stesse, spostando la salute mentale dalla parte dei diritti individuali e sociali.

Dopo l'accoglienza in Bottega, la delegazione è stata accompagnata presso il Centro Sociale Informatico, dove è stato illustrato il modello riabilitativo realizzato in cooperativa, che  ha fatto del connubio  “diritti-lavoro” l'asse portante della propria metodologia riabilitativa. L’equipè riabilitativa della stessa ha illustrato dettagliatamente l’intero modello riabilitativo, grazie al quale la delegazione è potuta entrare nel cuore della metodologia utilizzata da Città Solidale. Per dare una prova concreta delle azioni riabilitative poste in essere, i colleghi cinesi hanno visionato una serie di laboratori Riabilitativi tra i quali: teatro, clownterapia, canto e ritmica, danza popolare, orientamento alla multimedialità, orientamento alla conoscenza. Entrando nel cuore delle riabilitazione hanno potuto toccare con mano come la riabilitazione passando attraverso vari linguaggi possa arrivare a  trasformare pensieri ed emozioni negative in esperienze di successo e di autorealizzazione.

Il giorno seguente i  colleghi cinesi sono stati accompagnati presso le due cooperative sociali di inserimento lavorativo Marana-thà e Maran-athà 2001, che hanno messo a loro disposizione gli opifici del catering, della produzione del cioccolato, della vetreria artistica e della lavanderia industriale.

Gli ospiti, entusiasti della realtà della cooperativa latianese, hanno constatato quanto sia importante la valorizzazione della persona umana e dei diritti di cittadinanza e  riportato a galla la loro problematica situazione. La psichiatria cinese, oggi è infatti centrata, quasi esclusivamente, su grandi ospedali psichiatrici, sebbene in alcuni Distretti è in atto un tentativo di rinnovamento, secondo criteri di modernità ed efficienza. Gradualmente, sulla base di nuove norme si sta tentando di dismettere le vecchie strutture residenziali, ma è evidente che ci vorrà molto tempo prima che una reale de-istituzionalizzazione si realizzi in Cina a causa anche della densità della popolazione.

I colleghi cinesi stanno riponendo tutte loro speranze nella nuova legge sulla salute mentale, approvata lo scorso ottobre, che  mira a prevenire ricoveri e cure forzate in cliniche psichiatriche. L’obiettivo della recente normativa è indurre gli ospedali generici ad aprire ambulatori per pazienti esterni o fornire consulenze, e aumentare il numero di medici. La legge mira a fornire adeguate cure per i disturbi mentali ad una popolazione diventata più ricca e al tempo stesso più consapevole dei rischi dello stress e della necessità di curarsi.

La delegazione ha dichiarato all’unanimità che l’esperienza fatta in Città Solidale ha solidificato il loro know how in materia di riabilitazione psichiatrica, sostenendo che la metodologia appresa verrà attuata  anche in Cina, ovviamente declinando il modello secondo la complessità della loro realtà.

Alla manifestazione di accoglienza per la delegazione arrivata a Latiano, hanno partecipato le Autorità, gli operatori della Salute Mentale, i cittadini, gli utenti per lanciare un messaggio di solidarietà a chi si batte per i diritti umani ancora una volta violati, sostenendo metaforicamente i nostri amici col motto: “si può fare”!

Ultimo aggiornamento Lunedì 11 Marzo 2013 17:31
 
© 2008-2014 Psichiatria e Riabilitazione Psicosociale | Città Solidale Cooperativa Sociale - P. Iva 01897890743 Joomla 1.5 Templates by vonfio.de
Webmaster Roberto Longo