Vincitore del bando sovvenzione  globale Piccoli sussidi 2013 PO Puglia FSE 2007/2013

Vincitore del bando sovvenzione  globale Piccoli Sussidi 2013 PO Puglia FSE 2007/2013

logo_csi_web.gif

Foto e video gallery

gallery.jpg

Aggiornamenti Twitter

Città Solidale Channel

channel_c_s.jpg

Uscire dal Buio

Uscire dal buio - Mola Tommaso.jpg

Uscire dal buio

di TOMMASO MOLA

Esperienze e percorsi di riabilitazione Con Cd-Rom per sistema operativo Windows XP  o successivi

 

 

Blog
DOMOS – CENTRO DI RIFERIMENTO PER I PROGETTI DI VITA INDIPENDENTE PDF Stampa E-mail
Domenica 22 Settembre 2013 15:33

Bookmark and Share

PRO.VI

DOMOS – CENTRO DI RIFERIMENTO PER I PROGETTI DI VITA INDIPENDENTE


Al via la fase di informazione e consulenza per le persone disabili che vogliono realizzare il proprio progetto di vita indipendente.


La Regione Puglia  finanzia progetti in via sperimentale denominati “ Progetti di Vita indipendente”, uno strumento innovativo che favorisce per la prima volta in Puglia e in tutto il Sud Italia, l’autonomia delle persone con disabilità. La finalità complessiva dei PRO.V.I. è quella di sostenere la possibilità, per una persona adulta con disabilità grave, di autodeterminarsi e di poter vivere come chiunque avendo la capacità di prendere decisioni riguardanti la propria vita e di svolgere attività di propria scelta. I destinatari sono tutte le persone con disabilità motoria in età compresa tra 16 e 64 anni con reddito individuale non superiore a 20mila euro annui, e che, a prescindere dal livello di autosufficienza, presentino elevate potenzialità di autonomia e vogliano realizzare un progetto di vita indipendente orientato al completamento del percorso di studi, alla formazione professionale per l’inserimento socio-lavorativo, alla valorizzazione delle proprie capacità funzionali nel contesto lavorativo, nell’agire sociale e in favore di iniziative solidali, attraverso la conduzione delle principali attività quotidiane.


Le persone con disabilità che vogliano fare il PROVI, devono rivolgersi ad uno dei 5 Centri ausilii e di assistenza per la domotica sociale  con l’obiettivo di attivare una rete di riferimento di punti regionali per la consulenza alle famiglie su ausilii protesici, informatici, domotici e per la mobilità in favore delle persone disabili e non autosufficienti.  Per gli Ambiti di Conversano, Putignano, Mola di Bari, Triggiano, Altamura, Gioia del Colle, Mesagne, Francavilla Fontana, Martina Franca, Ginosa  si tratta del Centro DOMOS sito in via Donatello 8 a Conversano. Il Centro sarà a disposizione per  fare orientamento, formazione e consulenza. Inoltre sarà compito del Centro elaborare una scheda tecnica di valutazione del grado di disabilità e appronterà il Progetto di Vita indipendente in stretta collaborazione con le strutture regionali. Nel mese di agosto il Centro sarà aperto tutte le mattine dalle 10 alle 13, il pomeriggio su appuntamento. Con esclusione delle settimane dal 12 al 23 per chiusura ferie.
Le istanze, devono essere inviate esclusivamente in maniera telematica, a partire dalle ore 12 del 2 settembre 2013.


Per info e per conoscere gli orari di sportello dal 2 settembre è possibile consultare il sito www.domoticasociale.it -  è inoltre possibile chiamare al n° 080.96.80.499 o inviare una mail all'indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Ultimo aggiornamento Lunedì 23 Settembre 2013 17:20
Leggi tutto...
 
Lavoro: qualche segnale positivo, ma l’emergenza rimane PDF Stampa E-mail
Domenica 22 Settembre 2013 15:18
Superando.it

Lavoro: qualche segnale positivo, ma l’emergenza rimane

di Simone Fanti*

Se infatti va considerato certamente come positivo il recente provvedimento che ha di fatto sbloccato le assunzioni delle persone con disabilità nella Pubblica Amministrazione, così come le risorse in più per l’inserimento lavorativo, promesse dal ministro Giovannini, i dati parlano chiaro e fotografano, in àmbito di lavoro delle persone con disabilità, una situazione sempre assai negativa

Donna in carrozzina al lavoro al computerChe sia un atto di buona volontà o che sia una pezza che copre un errore precedente poco importa. Il Decreto Legge in materia di Razionalizzazione nella Pubblica Amministrazione, in vigore dal 1° di settembre di quest’anno, contiene una deroga al divieto di nuove assunzioni per le Amministrazioni con personale in eccedenza. Di fatto la norma (articolo 7, commi 6 e 7) [se ne legga già anche nel nostro giornale, N.d.R.], proposta dal ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Enrico Giovannini, riapre le porte lavorative della Pubblica Amministrazione alle categorie più “deboli”.


Una boccata di ossigeno nell’asfittico mercato del lavoro che si affianca allo stanziamento – promesso – di 32 milioni di risorse in più per l’inserimento lavorativo delle persone con disabilità. «In occasione del Decreto Lavoro – ha spiegato in tal senso lo stesso ministro Giovannini in luglio, durante la giornata conclusiva della Conferenza Nazionale sulla Disabilità di Bologna – possiamo aumentare da 2 a 12 milioni quest’anno e a 22 milioni l’anno prossimo il fondo per le assunzioni dei disabili».

 

Segnali positivi, ma anche obbligati. Infatti, dopo il recepimento da parte dello Stato italiano della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, il lavoro è diventato un diritto anche per chi vive con disabilità. «Si tratta di una rivoluzione copernicana che impone allo Stato una serie di passaggi – spiega Pietro Checcucci, ricercatore dell’ISFOL, l’Istituto per lo Sviluppo della Formazione Professionale dei Lavoratori, ovvero un ente nazionale di ricerca sottoposto alla vigilanza del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – per porre degli aggiustamenti agli squilibri del mercato del lavoro, facilitando l’ingresso di persone con disabilità».

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 23 Settembre 2013 17:20
Leggi tutto...
 


© 2008-2014 Psichiatria e Riabilitazione Psicosociale | Città Solidale Cooperativa Sociale - P. Iva 01897890743 Joomla 1.5 Templates by vonfio.de
Webmaster Roberto Longo